IMG_8073.JPG

JACK: CUCCIOLATA SETTEMBRE 2014

Eccoli!!! E’ arrivata la Cucciolata della Pradellina!!!

Settembre 2014

20131217-173713.jpg     20131217-173759.jpg     20131217-174845.jpg     20131217-174907.jpg     IMG_7909.JPG     IMG_7908.JPG     IMG_7873.JPG     IMG_7873-0.JPG     IMG_7909-0.JPG     IMG_7908-0.JPG     IMG_7872.JPG

garanzia

LA GARANZIA SUI NOSTRI CANI

La nostra garanzia sui cuccioli dura 30 giorni dalla data di acquisto.
Appena comprato, il cucciolo, portatelo dal veterinario.
Se si dovesse riscontrare qualche difetto o qualche malattia in corso, contattaci subito oppure riportateci il vostro cucciolo, e ci penseremo noi a curarlo.
Ti verranno restituiti i soldi che hai speso per il suo acquisto, oppure ti daremo un altro cucciolo in cambio, a seconda della disponibilità del momento.

Se invece ci chiami dopo poco trovando banali scuse, o motivazioni puramente soggettive, comportamentali o caratteriali, pretendendo di restituirci il cane, allora, in questo caso non troverai assolutamente il nostro aiuto.
Purtroppo, per gli acquirenti, la scienza ha ormai ampiamente dimostrato che la responsabilità dei difetti caratteriali è quasi sempre legata più ai fattori ambientali che a quelli genetici: in altre parole, se un cane è timido, aggressivo o mordace è quasi sempre colpa del proprietario e non dell’allevatore. Su questo si potrebbe discutere all’infinito, ma sta di fatto che la legge non riconosce praticamente alcun diritto al proprietario di un cane che si sia rivelato caratterialmente diverso da quello che sognava, perché ritiene che sia colpa sua (e di solito è anche vero).

L'allevamento La Pradellina
Al momento della consegna del vostro jackino, oltre al suo passaggio di proprietà in originale, vi diamo in omaggio il "Pradellina puppy kit", costituito da:
– un 1 kg di crocchette puppy
– un guinzaglio con collare
– due ciotole inox per mangiare e bere

Tutte queste attenzioni sono pensate per voi che entrate a far parte della grande famiglia, perchè desideriamo essere con voi in maniera concreta specialmente nel primo periodo.

20130925-071416.jpg

LA SALUTE DEL ACD

L'Australian Cattle Dog, come molte altre razze, soffre di malattie genetiche che si trasmettono dai genitori ai figli. Come allevatore mi sento in dovere di prevenire queste patologie testando tutti i miei riproduttori. In questo modo garantisco, per quanto possibile, una vita serena ai vostri cuccioli e a voi.

LA DISPLASIA DELL’ANCA NELL’AUSTRALIAN CATTLE DOG
(tratto da "ACD life" dicembre 2008)

Tra le malattie ortopediche dello sviluppo la displasia dell’anca è sicuramente la più famosa e forse una delle più controverse. Si tratta di una anomalia dello sviluppo dell’articolazione dell’anca o coxo femorale caratterizzata dalla sublussazione o dalla lussazione completa della testa del femore nei pazienti più giovani e da un’artropatia degenerativa da lieve a grave nei pazienti più anziani. Colpisce un gran numero di razze canine di taglie diverse, anche se soprattutto ha maggiore incidenza negli animali di grande mole.
Le cause sono diverse, sussistono sia fattori ereditari che ambientali che incidono sullo sviluppo dei tessuti molli e scheletrici. La rapida crescita ponderale dei soggetti iperalimentati predispone allo sviluppo della displasia dell’anca, così come l’infiammazione articolare causata, ad esempio, da traumi ripetuti.
Questi fattori contribuiscono a creare una situazione di instabilità articolare con lassità e sublussazione, che causano i segni clinici della malattia, algia e zoppia in primis.
Si verificano infatti diverse alterazioni anatomiche dell’articolazione con usura precoce della cartilagine ed esposizione dell’osso subcondrale (osso al di sotto dell’articolazione) e quindi dolore.
L’incidenza della displasia dell’anca è maggiore nei cani di grande taglia, solitamente le presentazioni cliniche sono due: una in età giovanile e l’altra negli animali anziani.
Nei giovani si manifestano difficoltà ad alzarsi dopo il riposo, intolleranza all’esercizio e zoppia intermittente o continua. Con la maturità i segni clinici solitamente peggiorano, con segni visibili come la degenerazione della muscolatura degli arti posteriori o andatura ondeggiante.
La diagnosi corretta si basa sui rilievi clinici, la razza, l’anamnesi e le alterazioni radiografiche.
Le rx vengono eseguite in diverse proiezioni e evidenziano segni riferibili a diversi gradi di gravità della malattia.
I trattamenti della displasia dell’anca sono essenzialmente di due tipi, uno medico e uno chirurgico.
Il trattamento medico viene chiamato anche conservativo si carca di tenere sotto controllo i segni clinici riferibili al dolore con il riposo, i farmaci o altre terapie, ma senza alcun ricorso alla chirurgia. I farmaci più usati sono gli antinfiammatori non steroidei e i condroprotettori, il cui ruolo è comunque controverso.
Il trattamento chirurgico viene riservato a casi selezionati. Esistono diversi tipi di interventi effettuabili a età diverse e ad animali con patologie di gradi diversi, fino ad arrivare alla protesi all’anca.
Nell’Australian Cattle Dog la displasia dell’anca è presente, secondo i dati dell’OFFA (orthopedic foundation for animals – fondazione americana per le patologie ereditarie dei cani) in circa il 15% dei cani testati. In Italia le statistiche non vengono divulgate dalla FSA (fondazione salute animale) e per gli ACD lo screening radiografico è ancora facoltativo (non imposto dal club di razza come invece avviene per boxer, dobermann, pastori tedeschi, rottweiler e terranova).
L’Australian Cattle Dog, in ogni caso, non è certo una delle razze con maggiore predisposizione grazie soprattutto alla taglia contenuta.
Importante, anche in questa razza, prevenire l’insorgenza della patologia agendo, durante la crescita, sui fattori ambientali, alimentari e di movimento nonché monitorando i riproduttori con indagini radiografiche ufficiali.

ATROFIA PROGRESSIVA DELLA RETINA (PRA)

L'atrofia progressiva della retina (più nota come PRA, acronimo inglese di Progressive Retinal Atrophy) è un termine generico usato per descrivere una serie di malattie retiniche ereditarie dei cani. Di quest'insieme di malattie ci interessa una sindrome conosciuta come displasia dei bastoncelli e dei coni.
Una displasia è un processo che causa lo sviluppo anomalo di un tessuto, che non riesce a formarsi in maniera normale. Il tessuto in oggetto è la retina, che è un sottile strato di tessuto neurologico posto nella parte posteriore dell’occhio e contiene delle cellule chiamate fotoricettori che assorbono la luce e la convertono, con una serie di reazioni chimiche, in segnali elettrici che poi vengono trasmessi al nervo ottico e quindi al cervello. I fotoricettori retinici, a seconda della loro specializzazione, possono distinguersi in bastoncelli, deputati alla visione notturna, e in coni, specializzati invece per la visione alla luce diurna. La PRA interessa sia i bastoncelli che i coni, ma i bastoncelli sono influenzati per primi, e ciò causa la perdita graduale della visione notturna (emeralopia), che è solitamente il primo sintomo che si osserva in animali affetti da PRA.
La malattia interessa molte razze di cani, ciascuna in un suo modo specifico. Le variazioni includono l'età in cui la malattia si manifesta, la velocità di degenerazione e persino il meccanismo di trasmissione genetica.
Gli Australian Cattle Dog ammalati manifestano generalmente i primi sintomi e diventano ciechi ad un'età compresa tra i 4 e gli 8 anni.
Purtroppo non esiste cura per la PRA, anche se sono state provate per un certo periodo terapie a base di vitamina A.
Questa malattia si trasmette tramite un gene recessivo semplice. Il meccanismo è mendeliano e simile a quello della CEA. Così sono necessari due geni recessivi affinchè un cane sia ammalato. Un singolo gene recessivo invece darà un cane portatore della malattia.
Presso il James Baker Institute (Ithaca – New York) è stato messo a punto, come per la CEA, un test del DNA in grado di determinare se un cane è sano, affetto da PRA o se ne è soltanto portatore.
Questa prova è disponibile solo per alcune razze tra cui fortunatamente l’Australian Cattle Dog. Un allevatore attento potrà quindi testare i suoi riproduttori ed effettuando solo accoppiamenti mirati, produrre esclusivamente cuccioli che non contrarranno mai la malattia.
In questo modo eviteranno di vendere ai loro clienti cani che da adulti diventeranno certamente ciechi.

SORDITÀ CONGENITA

Uno dei maggiori problemi di salute dell'Australian Cattle Dog è la propensione alla sordità congenita. Il 2.4% dei cani di questa razza sono sordi da entrambe le orecchie ed il 14.5% sono sordi da almeno un orecchio.

20130925-071416.jpg